…un vano in più

…trasformazione di una pensilina in legno, anno 2014

I committenti necessitano di un vano in più per la loro abitazione, e vorrebbero anche dare un nuovo ordine ai vari oggetti che si moltiplicano nelle nostre case.

 

IMG_1219
com’era

L’intervento individuato per assolvere a questa necessità prevede di trasformare la pensilina in legno, e costruire un portico ad uso posto auto per liberare il vano già adibito a garage. La realizzazione di tutto questo, date le dimensioni del lotto, implica l’ampliamento fino al limite con le proprietà confinanti.

La muratura perimetrale è realizzata impiegando blocchi in calcestruzzo vibrato che offrono una superficie rifinita senza necessità di accedere alle proprietà confinanti né in fase di costruzione né in fase di successive manutenzioni ordinarie. Essa assolve essenzialmente alla funzione di suddivisione, perché la parte strutturale è affidata alla struttura in legno esistente, con aggiunta di setti rompitratta per via del carico dovuto alla nuova copertura.

Gli elementi di legno sono prolungati a realizzare l’area a portico, poi via con tavolato doppio per aumentare la sezione resistente, membrana freno-vapore, isolante con caratteristiche anche di buono sfasamento termico, con cui si intende capacità di immagazzinare calore dovuto ad irraggiamento solare prolungata nel tempo prima della cessione ambiente sottostante, proprio in considerazione che la copertura è poco pendente ed in pieno sole per gran parte della giornata. Infine ulteriore tavolato in pannelli osb (in scaglie di legno orientate unite da resine fenoliche), guaina ad incoraggio ed infine lo strato protettivo in elementi autoprotetti in scaglie d’ardesia.

A completare il tutto le gradevoli scelte di finitura realizzate dai committenti. Un intervento a piccola scala che ha generato valore anche formale per l’edificio sui cui è stato innestato.

 

 

ArchFiorellaCarraro gallery